Zamia

La Zamia è una pianta di natura sempreverde appartenente alla famiglia delle Zamiaceae. Essa è molto nota per la forma particolare dei cespugli, nonchè per le sue qualità ornamentali. Al genere Zamia appartengono circa 60 specie differenti, tra cui la Z. Furfuracea, la Z. Pumila e la Z. Variegata. Ricordiamo che la Zamia è una tra le piante più antiche, attualmente viventi.

Zamia, Zamioculcas zamiifolia

La Zamia ha, a prima vista, un portamento molto simile a quello di una palma e ricorda, per le caratteristiche che qui in avanti descriveremo, quelle delle felci. Tale pianta sempreverde assume, in genere, un aspetto molto simile a dei cespugli, composti da un fusto molto breve. Quest’ultimo, in realtà, tende a svilupparsi al di sotto del terreno ed a raggiungere una lunghezza di circa  tre metri. Le foglie della Zamia sono succulente e molto lucide, di forma pennata e prive della classica innervatura al centro della superficie. In gran parte delle specie, i margini rimangono lisci. Raramente le foglie posseggono margini dentellati o seghettati. Tale pianta è di natura dioica, ossia alcune piante sviluppano solo fiori femminili, altre solo fiori maschili.

La Zamia può essere moltiplica per semina oppure per talea di foglie. La seconda variante riproduttiva è la più nota ed efficace. Essa prevede di prelevare, durante la stagione autunnale, delle foglie dalla pianta della Zamia. Queste ultime vanno impiantate in posizione verticale in un composto di sabbia e torba in eguali parti. Avendo cura di tenere il terreno sempre un tantino umido, si attende la primavera successiva per ottenere nuovi esemplari sottoforma di piantine.

Nome

Zamia (Zamioculcas zamiifolia)

Ambiente

zamia vasoLa pianta di Zamia trova le sue origini nei Caraibi, in Florida e nella parte settentrionale dell’America del Sud.  La Zamia può essere coltivate sia in ambienti soleggiati che a mezz’ombra, anche se l’optimus sarebbe una posizione luminosa non ricevente i raggi diretti del sole.

Temperatura

La Zamia è una pianta che è generalmente abituata a sopportare climi molto caldi e temperature abbastanza alte. Nonostante ciò, è una pianta che si adatta molto bene alle eventuali variazioni climatiche.

Mantenimento

La Zamia è una pianta che, soprattutto durante tutto il periodo attivo di crescita, necessita di un regolarefoglie pennate ed abbondante apporto idrico. Tale periodo è temporalmente collocato dalla primavera all’estate. Nelle restanti stagioni dell’anno, l’apporto idrico va notevolmente ridotto, al fine di lasciare giusto umido il terreno.

La Zamia gradisce, per la sua ottimale coltivazione, un terreno molto liscio e soffice. E’ importante che sia anche un substrato perfettamente drenante poichè, tale pianta, rischia molto spesso di sviluppare fastidiosi ristagni idrici.

Il rinvaso della Zamia va compiuto solamente se il vaso in cui è collocata, è divenuto oramai troppo piccolo per ospitare la pianta in questione.

La concimazione della Zamia va effettuata almeno una volta ogni 30 giorni con del concime da diluire nell’acqua delle innaffiature.

Tale pianta sempreverde, non è soggetta ad abituali operazioni di potatura. Per essere maggiormente sicuri che non sviluppi veicoli di parassiti, è opportuno procedere all’eliminazione del fogliame danneggiato o essiccato.

Avversità

La Zamia non è soggetta a particolari malattie, ma teme molto i ristagni idrici. In caso di cattive annaffiature, essi possono danneggiare l’apparato radicale anche in maniera definitiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi