Vaniglia

La Vaniglia è una pianta erbacea, appartenente alla famiglia delle Orchidaceae; si presenta robusta, rampicante: mostra un fusto dal colore verde scuro, dalla forma cilindrica e dalla consistenza carnosa; esso è ramificato e può arrivare anche ad una lunghezza di 10 o 15 metri. Le foglie sono alterne, lisce e carnose e con forma ovale e dalla punta tagliente. Sia le foglie che il gambo contengono un succo irritante che provoca scottature e pruriti persistenti nel caso in cui venisse a contatto con la pelle. La pianta produce fiori dalla classica forma a trombetta delle orchidee: assumono tonalità che vanno dal bianco, al giallo pallido o anche al verdastro. Il frutto è un baccello lungo fino a 30 cm, cilindrico e dal diametro di 10 mm circa: mostra una consistenza carnosa, ed è riunito in grappoli di otto o dieci e contiene numerosi semi molto piccoli e di colore nero brillante.

Vanilla planifollia

La moltiplicazione della Vaniglia avviene per talea di gambi; dopo che è stata prelevata, bisogna aspettare che questa appassisca: bisogna lasciarla una decina di giorni all’ombra prima di metterla in vaso, in un composto di sabbia di fiume o di pozzolana. Successivamente le talee dovranno essere fissate ad un sostegno ed essere travasate in posizione verticale.

Nome

Vaniglia ( Vanilla planifollia )

Ambiente

Vaniglia fiore forma trombettaLa Vaniglia è originaria dell’America Centrale, ma viene comunque coltivata in tutte le regioni tropicali: in Florida, in America meridionale, in Oceania, nelle isole dell’Oceano indiano e in Africa; quella più pregiata proviene dal Madagascar e dall’isola della Réunion. Un terriccio ideale per la pianta è  quello costituito da elementi specifici per orchidee, come la fibra di osmunda, lo sfagno o la corteccia di piante non resinose.

Temperatura

La Vaniglia ha bisogno di esposizioni a luoghi particolarmente luminosi, evitando tuttavia i raggi diretti del sole. In inverno si consiglia di tenerla in casa,  vicino ad una finestra , mentre in estate la si può tenere all’esterno, collocandola al di sotto di un albero o di un arbusto, così da tenere la pianta riparata dai raggi eccessivamente caldi.

Mantenimento

La pianta deve essere annaffiata regolarmente, eccetto che in inverno, mantenendo il substrato sempre umido, senza però lasciare nel vaniglia foglie ovalivaso dell’acqua stagnante: si consiglia di posizionare il vaso in un vassoio pieno di argilla espansa che va tenuta sempre umida. E’ preferibile vaporizzare spesso le foglie con acqua distillata, così da tenere constante l’umidità ambientale.

E’ opportuno fornire alla piante del concime specifico per orchidee, e farlo almeno una volta al mese nel periodo di maggiore crescita, che va da marzo ad ottobre.

Avversità

La Vaniglia non è immune all’attacco di parassiti quali afidi o cocciniglie: queste ultime rovinano le foglie e i boccioli della pianta. Si possono rimuovere manualmente, servendosi di un batuffolo di cotone impregnato di alcol e strofinando con delicatezza la parte danneggiata, o lavando la pianta con del sapone e risciacquandola molto accuratamente così da non lasciare alcun residuo. Nel caso in cui l’infestazione risulti particolarmente estesa, sarà opportuno utilizzare prodotti specifici facilmente reperibili.


Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi