Tuberosa

La Tuberosa è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Amarillidaceae. Particolarmente utilizzata dai fioristi per la composizione di bouquet da matrimonio e per bordure di aiuole, specie per le sue qualità spettacolari.

La pianta possiede radici tuberose e foglie molto lunghe,carnose,di color verde molto intenso e piegate verso l’esterno. Essa può raggiungere anche l’altezza di 1,5 m. La Tuberosa è formata da un rizoma che accoglie al suo interno un bulbo  avvolto da bulbilli. La fioritura avviene durante la stagione estiva e si presenta con infiorescenze a pannocchia dal profumo particolarmente intenso. Gli steli, visibilmente eretti, terminano con fiori bianchi dalla forma di un imbuto, in cui  il calice e la corolla non sono separati e formati da sei lobi circolari. In una varietà, definita “La perla”, essa è in gradi di riprodurre circa venti fiori per ciascuna spiga.

Polianthes Tuberosa

La riproduzione della Tuberosa avviene per divisione dei bulbi. Più semplicemente, si utilizzano i piccoli tuberi che nascono nelle vicinanze di quello principale: essi si piantano in piena terra se è primavera, in vaso se autunno. Tale ultima operazione va compiuta nelle stagione autunnale poiché esso è il momento in cui le porzioni verdi cominciano a seccarsi per il trapianto in primavera. Solo dopo quattro anni, questi ultimi, produrranno infiorescenze complete. E’ opportuno piantare tuberi che non abbiano mai prodotto fiori, dal momento che la fioritura avviene una sola volta.

Nome

Tuberosa (Polianthes Tuberosa)

Ambiente

foglie allungateLa Tuberosa Polianthes è una specie perenne originaria del Messico e del Texas. In queste zone sono tutt’ora particolarmente diffuse e prendono il nome di Nardo e Vara de San José. Essa può essere coltivata sia in piena terra che in vaso, molto funzionale per scopi ornamentali. Non richiede terreni molto complessi, ma è necessario siano ben drenati per non generare fastidiosi ristagni idrici.

Temperatura

Il clima maggiormente favorevole allo sviluppo della Tuberosa, è quello mite. In zone in cui le temperature si presentano molto inferiori ai 15 °C, è consigliabile collocarla in appartamento, specie nella fase della fioritura. E’ una pianta che predilige luoghi molto soleggiati o comunque ricchi di luce.

Mantenimento

Le annaffiature vanno compiute regolarmente nelle stagioni più calde, ridotte in quelle più rigide,precisamente dal mese di Fiori a pannocchiaottobre in poi. Il substrato non richiede molti accorgimenti se non della sostanza organica,almeno una volta ogni trenta giorni, dal mese di aprile a quello di agosto.. E’ importante che il terreno rimanga soffice e ben drenato.La coltivazione della Tuberosa non è di semplice manualità. Essa va compiuta con estrema attenzione, badando alla temperatura prima di tutto. In autunno, a seguito dell’ingiallimento delle foglie, tutti i tuberi piccoli vanno prelevati e conservati per esser piantati in primavera. Ciascun tubero produrrà 2 o 3 fiori al massimo, per poi non produrne più.

Le concimazioni possono esse effettuate, oltre che con sostanza organica, anche con del  concime liquido da aggiungere alle innaffiature, una volta l’anno.

Le potature vanno compiute solo in caso di fogliame danneggiato o essiccato.

Avversità

La tuberosa va soggetta a marciume dei tuberi, afidi e cancro dello stelo provocato da funghi. I bulbi vanno conservati in luoghi freschi ed asciutti e i funghi vanno debellati con trattamenti antifungini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi