Thunbergia alata

La Thunbergia alata, comunemente denominata Susanna dagli occhi neri, è una pianta rampicante, appartenente alla famiglia delle Acantaceae. Essa è in grado di raggiungere anche i tre metri di estensione; possiede fusti molto flessibili, dallo sviluppo ricadente e foglie di circa otto centimetri, dalla forma ovale, aventi la tipica colorazione verde brillante. La pianta produce fiori larghi fino a cinque centimetri, formati da una corolla color porpora e cinque lobi estesi dal colore giallo e arancio, con il centro marrone. I colori si differenziano a seconda delle varietà, solitamente vanno dal bianco all’arancio. Viene coltivata per la bellezza dei suoi fiori, soprattutto come pianta da appartamento.

Acantaceae

La moltiplicazione della Thunbergia alata avviene principalmente attraverso la semina; è preferibile effettuare tale operazione tra il mese di marzo e di aprile, ovvero con l’inizio della stagione primaverile. I semi dovranno essere posti in un contenitore apposito, riempito di torba e sabbia umide, ad una temperatura compresa tra 16 e 19 gradi centigradi. Con lo sbocciare dei primi germogli, si può procedere al rinvaso definitivo, in recipienti di almeno otto centimetri.

Nome

Thunbergia alata

Ambiente

La Thunbergia alata è originaria dell’Africa meridionale; la pianta predilige un tipo di terreno che sia particolarmente soffice e leggero, ma soprattutto che sia molto ben drenato: i ristagni idrici, che danneggerebbero seriamente le radici, non sono per nulla tollerati.

Thunbergia alata foglie lombateTemperatura

La pianta ama le esposizioni a luoghi particolarmente soleggiati, tuttavia è opportuno tenerla al riparo durante le ore più calde della giornata, soprattutto durante la stagione stiva. La Thunbergia alata è in grado di tollerare le basse temperature, ma non per un tempo prolungato; al contrario, essa non ama gli inverni particolarmente umidi.

Mantenimento

La Thunbergia alata necessita di annaffiature regolari e abbondanti, soprattutto nella fase di sviluppo della pianta; è importante aspettare che il terriccio sia asciutto prima di procedere con un nuovo apporto di acqua. Nel corso della stagione estiva, si consiglia caldamente di aumentare la frequenza delle annaffiature.

La concimazione della Thunbergia alata va fatta nel periodo compreso tra il mese di marzo e l’inizio della stagione autunnale; è consigliabile servirsi di un concime per piante da fiore, da diluire nell’acqua delle annaffiature, e da somministrare ogni quindici giorni circa.

Avversità

La Thunbergia alata non è immune all’attacco di parassiti quali acari e afidi: questi infestano la pianta, danneggiandone Thunbergia alata fiore aranciosoprattutto l’apparato fogliare: ne succhiano la linfa, coprendo la pianta di una sostanza collosa. Posso essere estirpati manualmente, con l’utilizzo di un batuffolo di cotone impregnato di alcool, strofinando con delicatezza la parte danneggiata; in alternativa si può lavare la pianta con una spugna, facendo attenzione a risciacquare con cura così da togliere ogni residuo di sapone. Nel caso in cui l’infestazione risulta essere troppo estesa, è opportuno procedere con l’utilizzo di antiparassitari specifici.

Anche le cattive tecniche di coltivazione possono danneggiare irrimediabilmente la Thunbergia alata: nel caso in cui le annaffiature risultino eccessivamente abbondanti in inverno, le foglie perderanno colore fino a cadere; se, invece, si esporrà l’esemplare al sole diretto, le foglie rischieranno di bruciare.


Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi