Stevia

La Stevia è una pianta erbacea perenne, nonchè aromatica, appartenente alla famiglia delle Asteraceae. Essa è molto nota per le qualità dolcificanti delle sue foglie, nonchè per le proprietà medicinali. Il genere Stevia conta, attualmente, un numero pari a circa 150 specie differenti.

stevia, Stevia Reubadiana

Tale pianta si sviluppa adottando un portamento generalmente arbustivo e assumendo delle dimensioni generalmente piccole. La sua altezza infatti, è di massimo 50 cm. Le foglie della Stevia sono di forma ovale e disposte in maniera opposta tra loro. Essa possiede fiori ermafroditi di piccolissime dimensioni, color bianco e soggetti ad impollinazione da parte degli insetti.  Tali infiorescenze sono visibili a partire dal mese di  ottobre, novembre.

La moltiplicazione della Stevia avviene sia per seme che per talea. La prima operazione è quella più fruttuosa e semplice. Quest’ultima si compie mescolando i semi, molto piccoli, con della sabbia, così da evitare fastidiosi ammassi. Si mantiene, successivamente, il terreno sempre ben umido per favorire il processo di germogliazione, alla temperatura ideale di 25 °C.  Alla comparsa delle prime due o tre foglioline, le piantine possono essere trapiantate e poste all’esterno nella primavera successiva.

Nome

Stevia (Stevia Reubadiana)

Ambiente

 fiori molto piccoliLa Stevia trae le sue origini dalle zone montuose presenti negli stati di Paraguay e Brasile. In genere, è una pianta che gradisce essere collocata in zone soleggiate, o comunque molto luminose, ma è in gradi di svilupparsi modestamente anche in luoghi posti a mezz’ombra.

Temperatura

La Stevia è una pianta di natura perenne, ma non molto resistente alle gelate. Nei climi maggiormente rigidi, essa viene coltivata come pianta semi-perenne. La sua temperatura ideale è di circa 23 ° C, con una minima consentita di 1°C.

Mantenimento

La Stevia è un’arbusto che gradisce suoli particolarmente sciolti, in quanto non risponde bene ai terreni maggiormente compatti per via del rischiofoglie ovate di ristagni idrici. E’ una pianta che sta molto bene nei terreni da ruderi, non è la tipologia di perenne che cresce bene nei terreni da prato. E’ opportuno porre della pacciamatura sul terreno, nel caso in cui non è possibile difenderla da gelate improvvise o temperature al di sotto dello zero.

La Stevia è una pianta che richiede irrigazioni molto abbondanti, soprattutto nelle stagioni più calde che spesso si traducono in lunghi periodi di siccità.

Il raccolto delle foglie, per l’uso terapeutico e culinario, in genere si compie due volte l’anno. Stessa cadenza doppia, va riservata per l’operazione di potatura della Stevia: una volta quando ha raggiunto un’altezza di circa 12 cm, con tagli compiuti nella parte superiore della gemma per permetterne la crescita in larghezza; una seconda potatura, va compiuta nel periodo immediatamente successivo la fioritura, in seguito alla raccolta dei semi della pianta.

Avversità

La Stevia è una pianta che annovera tra le principali avversità, gli attacchi fungini. Dal momento che le sue foglie sono destinate all’ambito culinario, non è il caso di utilizzare prodotti contro i parassiti, ma prevenire quanto più possibile tali inconvenienti. Basta, infatti, lasciare che il terreno asciughi tra un’innaffiatura e l’altra e assicurare alla pianta un terreno sempre ben sciolto, così da evitare ristagni idrici e attacchi fungini.

 


Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi