Pothos

Il Pothos è una pianta sempreverde e rampicante, appartenente alla famiglia delle Araceae; viene utilizzata principalmente a scopo ornamentale, per decorare interni e terrazzi. Possiede foglie molto grandi, dalla forma ovale o cuoriforme, lucide, lievemente cerose e rigide; le radici permettono alla pianti di aggrapparsi a qualsiasi tipo di sostegno. Vi sono molte varietà di Pothos, in genere con fogliame variegato di giallo, di bianco, di rosa. I fiori sono piccolissimi e compaiono raramente se la pianta è tenuta in appartamento.

Scindapsus

La moltiplicazione del Pothos avviene generalmente per talea apicale: queste dovranno avere una lunghezza di circa 10 o 15 cm, prelevate nel mese di marzo o aprile, e messe a radicare in contenitori con torba e sabbia, ad una temperatura di 21°C. La radicazione risulta essere abbastanza lenta. Spesso, la pianta viene riprodotta anche mediante propaggine o per divisione dei cespi.

Nome

Pothos (Scindapsus )

potos in vasoAmbiente

Il Pothos è originario della Thailandia e delle isole Salomone; la pianta predilige un tipo di terreno che sia leggero e poroso, formato da terriccio universale con aggiunta di poca torba e sabbia. E’ possibile, per alcune specie, servirsi di un miscuglio a base di terra di foglie e torba in parti uguali, con aggiunta di sabbia.

Temperatura

La pianta necessita di esposizioni a luoghi luminosi, poiché la scarsa luce può causare la perdita delle screziature sulle foglie; è importante, tuttavia, che non vi sia contatto col sole diretto. La temperatura minima invernale dovrà aggirarsi tra i 13 e 18 °C .

Mantenimento

Il Pothos, durante la stagione estiva, ha bisogno di annaffiature frequenti, anche 3 volte la settimana nel caso in cui le giornate risultino particolarmente calde. E’ importante lasciare che il substrato si asciughi tra un’irrigazione e l’altra, e che sia incrementata l’umidità ambientale con vaporizzazioni, lavaggi delle foglie e posizionando i vasi su terrine riempite di ciottoli tenuti costantemente bagnati. E’ necessario non esagerare con l’apporto di acqua, poiché la pianta teme il marciume causato dai ristagni idrici. Durante i mesi freddi, le annaffiature dovranno essere drasticamente ridotte.

La concimazione del Pothos va fatta durante il periodo primaverile ed estivo, ogni 4 o 5 settimane, servendosi di un fertilizzante liquido da diluire nell’acqua delle annaffiature. E’ bene che il concime possegga tutti gli elementi indispensabili ad un sano e corretto sviluppo della pianta.

Avversità

AraceaeLe cattive tecniche di coltivazione sono particolarmente dannose per il Pothos: tenere la pianta in luoghi con temperature eccessivamente basse, esposte a correnti d’aria, o annaffiare troppo l’esemplare provocano la comparsa di macchie gialle o brune sulle foglie; l’esposizione a luoghi poco illuminati invece, determinerà la perdita della screziatura.

Il Pothos viene spesso minacciato dalla presenza del ragnetto rosso, che prolifera facilmente in ambienti caldi e secchi. E’ possibile prevenirne la comparsa nebulizzando le foglie e mantenendo alta l’umidità ambientale; in caso di infestazione troppo estesa, si consiglia l’utilizzo di prodotti acaricidi.

Il fungo Botrytis cinerea inoltre, provoca la comparsa di macchie scure e di ammassi polverosi sulle foglie: è necessario eliminare le parti colpite e l’eventuale terriccio ammuffito, e infine trattare la pianta con un prodotto anticrittogamico.


Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi