Platano

Il Platano è un albero appartenente alla famiglia delle Plantanacee; è in grado di raggiungere i 30 m di altezza, ed è molto longevo: alcuni esemplari arrivano fino ai 250 anni di età. Viene utilizzato anche a scopo decorativo, per abbellire lunghi viali anche in centri urbani e parchi. Mostra una chioma tondeggiante e un portamento eretto, la corteggia è levigata e sottile, di colore grigio tendente al marrone con varie chiazze verdi. Possiede foglie assai larghe che vanno dai 5 ai 20 cm, dalla forma palmata e munite di nervature ben visibili; sono di colore verde chiaro che muta nel dorato durante la stagione invernale. Il Platano produce infiorescenze dalla forma tonda: giallastre quelle maschili e rossastre quelle femminili; i frutti hanno la forma di un riccio, sono tondi e producono numerosi semi una volta giunti a maturazione.

Platanus

La moltiplicazione del Platano può essere fatta mediante la semina nel mese di aprile, procurandosi un contenitore con l’apposita composta e un elevato numero di semi: in seguito al trapianto si potrà procedere con la coltura, e solo dopo circa tre anni sarà possibile effettuare la messa a dimora definitiva. Tra gli altri metodi di riproduzione ricordiamo quello tramite talea, da effettuare nel mese di ottobre, in cui la parte prelevata dovrà essere di almeno 30 cm, e quello mediante polloni basali.

Nome

Platano ( Platanus )

Platano frutto forma a riccioAmbiente

Il Platano è originario delle zone dell’America settentrionale per quanto riguarda alcune specie, e delle zone asiatiche per altre; è molto diffuso anche nel nostro paese, soprattutto nei luoghi pianeggianti, ma anche in quelli collinari. Il terreno ideale è profondo, calcareo o argilloso, ricco di sostanze organiche, ma soprattutto ben drenato.

Temperatura

Il Platano ama essere esposto a zone soleggiate, tuttavia riesce a tollerare sbalzi di temperatura anche piuttosto forti, fino a -20°C, sopportando sia gli inverni rigidi che le estati calde. Ha inoltre una buona tolleranza verso l’inquinamento atmosferico, ragion per cui viene piantato anche nei centri urbani.

Mantenimento

Generalmente, l’acqua piovana risulta essere sufficiente per l’apporto di acqua di cui l’albero ha bisogno, tuttavia è benePlatano foglie palmate innaffiare gli esemplari giovani, in particolar modo durante i mesi caldi ed eccessivamente secchi. Vengono potati soprattutto i platani che crescono nei centri urbani: di solito vengono mantenuti nella misura desiderata, anche con numerosi interventi di potatura senza che vengano danneggiati.

Per quanto riguarda la concimazione del Platano, si consiglia di apportare del fertilizzante organico soprattutto se si tratta di esemplari giovani.

Avversità

Il Platano è oggetto di attacchi da parte di lepidotteri quali il bombice, che rovina le estremità delle foglie, la bucefala, anch’essa dannosa per l’apparato fogliare, e il rodilegno che si insinua nei rami e nei tronchi scavando gallerie. Altri parassiti sono il ragno rosso e quello giallo: in caso di infestazione, si consiglia l’utilizzo di specifici prodotti.

Una specie di fungo, il ceratocytis fimbriata, causa il cosiddetto cancro colorato del platano: la malattia causa pericolosi disseccamenti delle foglie degli alberi e dell’intera chioma. Purtroppo l’unica soluzione possibile è l’abbattimento dell’albero e la distruzione del materiale restante in modo da evitare contagi.


Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi