Petunia

La Petunia è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Solanaceae; essa è molto apprezzata per la sua abbondante fioritura, e viene usata per abbellire balconi, giardini o anche appartamenti. E’ caratterizzata da cespugli alti dai 25 ai 60 cm, aventi fusti ramosi e lievemente collosi, dal portamento ricadente; le  foglie sono molto profumate, di forma ovale e con alcune nervature, di colore verde chiaro, e ricoperte di peluria. La Petunia produce fiori dalla forma a imbuto e di molti colori diversi: ne troviamo di bianchi, di rossi, di blu, di viola, di rosa e lilla; inoltre essi possono essere di un unico colore, ovvero monocromi o anche screziati.

Solanaceae

La moltiplicazione della Petunia avviene mediante la semina, che va fatta tra febbraio e marzo: i semi dovranno essere interrati in contenitori riempiti con torba e sabbia, poi coperti con della plastica; quando le piantine avranno raggiunto almeno i 10 cm, potranno essere piantate in vasi definitivi. Alcuni esemplari  possono essere moltiplicati per talea: verso il mese di marzo si dovrà prelevare una porzione della pianta e metterla a radicare in un contenitore con torba e sabbia, se possibile in serra.

Nome

Petunia

Ambiente

petunia foglie ovaliLa Petunia è originaria dell’America del sud, soprattutto delle zone del Brasile, dove cresce spontaneamente, ma è molto diffusa anche in Europa. La pianta predilige un tipo di terreno che sia fertile e possibilmente non calcareo, inoltre è importante che esso sia ricco di materia organica e molto ben drenato; per favorire il drenaggio si consiglia di unire al terriccio della corteccia sbriciolata e della sabbia.

Temperatura

La pianta ama le esposizioni a luoghi molto luminosi, ed è preferibile collocarla in modo che riceva direttamente i raggi del sole; difatti, in mancanza di luce, la Petunia non produrrà molti fiori. Dal momento che si tratta di esemplari particolarmente delicati, si raccomanda di non esporli a luoghi troppo ventosi; la Petunia ben si adatta ai climi caldi, al contrario non tollera il freddo che può causarne la morte.

Mantenimento

La pianta ha bisogno di essere  annaffiare ogni 2  o 3 giorni con acqua a temperatura ambiente, poiché tende a seccarsi ed petunia fiori a imbutoappassire con estrema facilità; poiché nei mesi caldi l’acqua deve essere più abbondante, si consiglia di irrigarla tutti i giorni. E’ importante accertarsi di non bagnare i fiori che potrebbero danneggiarsi, essendo molto delicati, e di non far ristagnare l’acqua, attendendo che il terreno sia asciutto prima di annaffiare di nuovo.

La concimazione della Petunia va fatta a partire dalla stagione primaverile, utilizzando del fertilizzante per piante da fiore, da diluire nell’acqua delle innaffiature; il trattamento deve essere ripetuto ogni 15 o 20 giorni.

Avversità

La Petunia è minacciata dagli attacchi di afidi che danneggiano fiori e foglie: al fine di eliminarli, si consiglia di lavare la pianta o di usare insetticidi specifici. Un altro parassita pericoloso è il ragnetto rosso che rende le foglie grigie o giallognole,  e che va eliminato con prodotti specifici. Anche funghi come l’alternaria possono minacciare la salute della pianta, formando  sulle foglie delle macchie brune; anche in questo caso va usato un prodotto specifivo.


Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi