Mentuccia

La Mentuccia, o anche Nepetella, è un’ erbacea appartenente alla famiglia delle Labiatae; essa viene definita una pianta aromatica, costituita da un rizoma strisciante e da stoloni. E’ formata da fusti quadrangolari che solitamente raggiungono i 70 cm di altezza, posso apparire distesi o anche eretti e ramificati verso la cima. Le foglie sono opposte, dalla forma ovale e pelose, aventi un margine lievemente dentato. Produce fiori riuniti su un stelo all’ascella delle foglie superiori e formano un’infiorescenza che si sviluppa verticalmente: il calice si mostra tubuloso, con cinque denti apicali, mentre la corolla è rosea o violacea. Il frutto è un tetrachenio, racchiuso dal calice persistente.

Calamintha nepeta

La moltiplicazione della Mentuccia avviene principalmente tramite talea: è necessario prelevarle della lunghezza di 20 o 25 cm, nei mesi di marzo ed aprile, utilizzando un coltello ben affilato e soprattutto pulito, così da evitare infezioni; bisogna togliere le foglioline poste in basso e immergere la talea in un composto che ne favorisca la radicazione: esso dovrà essere costituito da una parte di torba ed una di sabbia grossolana. La temperatura dovrà aggirarsi intorno ai 15°C, ed il terriccio dovrà essere sempre leggermente umido. A radicazione avvenuta, si potrà passare al rinvaso definitivo.

Nome

Mentuccia ( Calamintha nepeta )

Ambiente

Mentuccia fiore tubolareLa Mentuccia è originaria delle zone montane del Mediterraneo, ma è molto diffusa anche in tutta Italia, dove la si può trovare nei prati o anche nei terreni non coltivati. La pianta predilige terreni fertili, ricchi di humus e porosi; è preferibile inoltre, che il substrato abbia ph neutro o anche leggermente acido oltre a dover essere molto ben drenato poiché la Mentuccia non tollera i ristagni idrici. Si consiglia di evitare i terreni pesanti ed argillosi.

Temperatura

La Mentuccia può crescere in modo sano sia in pieno sole che in zone ombreggiate; tuttavia è bene rammentare che i luoghi molto luminosi favoriscono una maggiore formazione di oli essenziali. Sarebbe opportuno evitare di esporre la Mentuccia a temperature inferiori ai 15°C; nella stagione primaverile, la si può collocare all’aperto, in luogo se è possibile riparato dal vento.

Mantenimento

La pianta dovrà essere annaffiata con regolarità e abbondanza, in particolar modo durante il periodo estivo. E’ importante fare mentuccia foglie ovaliattenzione a non bagnare le foglie quando si annaffia dal momento che l’evaporazione può intaccare le sue proprietà aromatiche.

La Mentuccia è un tipo di pianta potassofila: ha bisogno di grandi quantità di Potassio; tuttavia, quest’ultimo non è l’unico elemento necessario ad una crescita equilibrata e sana: la pianta avrà bisogno anche di Fosforo e di Azoto che accresce la produzione delle foglie e di oli essenziali.

Avversità

Con l’arrivo della primavera e quindi l’innalzarsi delle temperature diurne, è opportuno procedere con un trattamento preventivo: si consiglia di adoperare un insetticida ad ampio spettro, utilizzandolo quando nel giardino non sono presenti fioriture. Inoltre, prima che i germogli risultino essere particolarmente sviluppati, è consigliabile anche effettuare un trattamento fungicida ad ampio spettro, in modo da prevenire lo sviluppo di malattie fungine, favorite soprattutto da un’elevata umidità ambientale.


Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi