Mandorlo

Il Mandorlo è un albero da frutto, appartenente alla famiglia delle Rosaceae; si tratta di una pianta particolarmente apprezzata per la sua abbondante e splendida fioritura. E’ molto longeva, di medie dimensioni: raggiunge un’altezza di circa 8 o 10 m. E’ dotata di un apparato radicale molto esteso, mentre i rami sono di tonalità grigiastre o marroni; possiede foglie dalla forma lanceolata, seghettate e aventi delle ghiandole alla base del lembo. L’albero produce fiori ermafroditi di colore bianco o leggermente rosato, formati da 5 petali, 5 sepali e da 20 o 40 stami; il frutto è di consistenza carnosa, verde o con sfumature rossastre, che può essere peloso oppure glabro, al cui interno vi è il seme chiamato mandorla. Quest’ultimo è rivestito di un tegumento liscio o rugoso, dalle tonalità che vanno dal marrone all’ocra.

Prunus dulcis

La moltiplicazione del Mandorlo può avvenire per via gamica con il seme e per via agamica mediante talea, margotta e con l’innesto. La propagazione per seme si effettua in autunno, servendosi delle drupe dell’ultimo raccolto: in genere si utilizzano semi appartenenti alle varietà amare, poiché sembrano avere una maggiore rusticità.

Nome

Mandorlo ( Prunus dulcis )

Mandorlo fiori ermafroditiAmbiente

Il Mandorlo è originario dell’Asia centro occidentale e  della Cina; esso ben si adatta a qualsiasi tipo di terreno, anche a quelli di tipo calcareo, a patto che siano molto ben drenati. Si consiglia di evitare, tuttavia, i substrati eccessivamente umidi o argillosi.

Temperatura

Il Mandorlo si sviluppa al meglio nelle zone a clima temperato e con inverni miti, nonostante sia in grado di tollerare anche temperature invernali di -15 o -20 °C; predilige luoghi in cui vi siano scarse piogge. Si consiglia di esporre la pianta a sud, a sud est e sud ovest così da garantire l’illuminazione dell’intera chioma.

Mantenimento

Per quanto concerne le irrigazione degli esemplari allevati in modo intensivo, queste vengono effettuate mediantemandorlo drupa sistemi localizzati  ( goccia, spruzzo, microjet ) con quantitativi compresi fra i 1500 e 2500 mc/ha per anno. La potatura dovrà essere misurata, così da favorire un rapido sviluppo delle piante.

Un’ottima concimazione è necessaria al fine di ottenere alte produzioni: a quella organica d’impianto, bisognerà aggiungere quella minerale. In condizioni normali o scarse sono fondamentali circa 100-200 unità/ha di potassio, che dovranno essere  più elevate nei terreni compatti, e 50-200 unità/ha di fosforo. La concimazione di produzione deve prevedere 30 o 50 unità di azoto in autunno e altrettante unità durante la stagione primaverile ed estiva, suddivise in modo frazionato nel periodo compreso fra la fioritura e l’accrescimento dei frutti. Gli altri elementi vanno distribuiti per lo più in autunno:in condizioni normali o scarse si consiglia 20-40 Kg/ha di fosforo, 100-200 Kg/ha di potassio, 5-20 Kg/ha di magnesio più microelementi ed in particolare zinco, boro, calcio e ferro.

Avversità

Il Mandorlo è spesso minacciato dalla presenza del capnodio (Capnodis tenebrionis), un insetto che arreca danno ai mandorleti, scavando gallerie nei tronchi: al fine di sbarazzarsene, si utilizzano reti a forma di imbuto rovesciato, attaccate alla base degli alberi in modo da catturarli.

Le malattie particolarmente pericolose per il Mandorlo sono i cancri rameali, i marciumi radicali ed il marciume bruno dei fiori e dei frutti.


Potrebbero interessarti anche:

4 commenti su “Mandorlo

  1. Alessandra ha detto:

    Ciao, volevo fare i complimenti al sito, ben strutturato, template gradevolissimo e la descrizione sul mandorlo molto esaustiva, penso che vi verrò a trovare ancora, in quanto sono amante delle piante, ho la casa e l’ufficio pieno. Una buona giornata, Ale 🙂

    • Marianna ha detto:

      Gentilmente potrei sapere il mandorlo a che distanza va piantato dal confine ?
      (Medio fusto oppure alto fusto).
      Grazie di cuore.
      Marianna

      • Marianna ha detto:

        Gentilmente potrei sapere il mandorlo a che distanza va piantato dal confine ?
        (Medio fusto oppure alto fusto).
        Grazie di cuore.
        Marianna

  2. Fernando ha detto:

    Fernando
    19 marzo 2016

    Gentilmente potrei sapere il mandorlo a che distanza va piantato dal confine ?
    (Medio fusto oppure alto fusto).
    Grazie di cuore.
    Fernando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi