Le piante carnivore

dionea pianta carnivoraLe piante carnivore sono delle particolari piante che intrappolano e consumano animali e protozoi, soprattutto insetti ed altri artropodi, al fine di ottenere i nutrienti necessari per la loro crescita. Sono dette anche piante insettivore, la loro caratteristica è il risultato di un adattamento ad ambienti come paludi, torbiere e rocce affioranti il cui suolo ha una forte percentuale di acidità ed è povero se non privo di nutrienti.

Esistono circa 600 specie diffuse in tutto il mondo, appartenenti a 12 generi e 5 famiglie, sono delle piante erbacee perenni, presentano delle radici molto piccole rispetto alle loro dimensioni, questo perché spendono molte energie nella costruzione delle trappole e nella produzione di enzimi digestivi, piuttosto che accrescere la massa radicale.

 Le specie

Bromeliaceae: Brocchinia, Catopsi

Byblidaceae: Byblis

Cephalotaceae: Cephalotus

Dioncophyllaceae: Triphyophyllum

Droseraceae: Aldrovanda, Dionaea, Drosera

Drosophyllaceae: Drosophillum

Eriocaulaceae: Paepalanthus

Lentibulariaceae: Genlisea, Pinguicula, Polypompholyx, Ultricularia

Martyniaceae: Ibicella

Nepenthaceae: Nepenthes

Rodidulaceae: Roridula

Sarraceniaceae: Darlingtonia, Heliamphora,Sarracenia,

 Le trappole

dionea carnivora

Queste piante sviluppano cinque tipi diversi di trappole per la cattura degli organismi di cui si nutrono, vediamoli nel dettaglio:

  • Trappole ad ascidio: le prede vengono intrappolate all’interno di una foglia arrotolata a forma di caraffa, contenente un pool di enzimi digestivi e/o batteri;
  • Trappole adesive: la cattura avviene tramite una mucillagine collosa secreta dalle foglie;
  • Trappole a scatto o a tagliola: un rapido movimento delle foglie immobilizza l’animale al loro interno;
  • Trappole ad aspirazione: la preda viene risucchiata da una struttura simile ad una vescica, l’utricolo, al cui interno si genera un vuoto di pressione;
  • Trappole a nassa: presentano dei peli che dirigono forzatamente la preda all’interno dell’organo digestivo.
Riproduzione

drosera pianta carnivoraLe piante carnivore si riproducono sia sessualmente che asessualmente; la riproduzione sessuata avviene mediante la formazioni di fiori che una volta fecondati originano dei semi.

Alcune specie sono ermafrodite, in quanto presentano all’interno del loro fiore sia stami e che pistilli, mentre altre sono dioiche, quindi esistono sia piante maschile che femminili.

La riproduzione asessuata avviene con la produzione di gemme o tramite divisioni dei rizomi; in  alcune specie è possibile l’autofecondazione, ma nella maggior parte dei casi è impedita da meccanismi diversi.

 Coltivazione

Le piante carnivore hanno bisogno di una grande quantità d’acqua e abbondante esposizione al sole; il substrato da utilizzare è molto importante, si deve usare solo torba di sfagno perché l’utilizzo di terricci semplici o arricchiti causerebbero la marcescenza delle radici ed ucciderebbero la pianta.

 Avversità

Le piante carnivore sono soggette ad attacchi di:

  • Virus
  • Funghi
  • Parassiti come Afidi, Cocciniglia, Ragnetto Rosso e Tripidi
  • Cancro al rizoma
  • Marciume generico
  • Bruchi
  • Merli
  • Piccioni
  • Formiche
  • Larve di Zanzare
  • Lumache

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi