Issopo

L’issopo è una pianta erbacea perenne, appartenente alla famiglia delle Laminaceae. E’ aromatica: dalle sue foglie viene estratto un olio usato dalle industrie profumiere. Ha fusti eretti e ramificati, costituiti da una leggera peluria e legnosi alla base che raggiungono un’altezza di circa cinquanta centimetri.Le foglie sono strette e allungate e vanno da pochi millimetri a oltre due centimetri; risultano essere appuntite, lineari o lanceolate, leggermente pelose, di un bellissimo verde intenso. Produce piccoli fiori, che formano una spiga apicale e possono essere di colore azzurro intenso o, eccezionalmente, bianco e rosa.

I fiori e le foglie più tenere vengono usate per le insalate, le minestre, i ragù e gli arrosti grazie al loro sapore simile alla menta; le dosi, tuttavia, non dovrebbero essere eccessive poiché è molto forte. Le sommità fiorite, invece, si usano in alcune salse e zuppe, e risultano essere anche un ottimo ingrediente dei liquori d’erbe o delle acque di colonia.

Hyssopus

Tra le proprietà terapeutiche abbiamo quelle espettoranti e digestive; inoltre, in passato, veniva usato come sedativo per le crisi epilettiche, come calmante per esaurimenti nervosi o affaticamento per lo stress, ma anche come rimedio per l’ansa e la depressione nervosa. Può anche essere applicato sulla pelle in caso di feriti lievi, così da attenuare gonfiori o lividi. E’ bene precisare, tuttavia, che nessun studio approfondito ne ha testato l’efficienza.

La moltiplicazione avviene per divisione dei cespi; può essere fatta negli ultimi mesi primaverili, o all’inizio dell’autunno. Può essere riprodotto anche per semina, in marzo-aprile, su un substrato calcareo e leggero.

Le piante di issopo hanno un’ esistenza alquanto breve, è quindi raccomandabile sostituire le piante ogni cinque o sei anni al fine di avere sempre un cespuglio forte e rigoglioso. L’issopo include differenti varietà che si differenziano tra loro per il colore dei fiori; quelle più note sono Aristatus, Blue, Albus e Roseus che presentano infiorescenze di colore blu scuro, azzurro-blu, bianco e rosa.

Nome

Issopo (Hyssopus)

Ambiente

Issopo fiore spiga apicaleE’ una pianta originaria dell’Europa e dell’Asia Occidentale; nasce spontaneamente in molte zone montane dell’Italia settentrionale e compare a volte anche in pianura nel resto dell’Italia. Per quanto concerne il terreno, l’issopo non è particolarmente esigente, ma preferisce terreni sassosi, calcarei o ben drenati, piuttosto che quelli aridi e ben esposti. Tuttavia, in natura, può anche germogliare in terreni secchi e sfavorevoli a moltissime altre piante. Esso può essere coltivato senza problemi anche in vaso.

Temperatura

L’issopo richiede posizioni particolarmente soleggiate, ancor meglio se esposte a poco vento; predilige ambiente temperati, ma può ben resistere alle basse temperature.

Mantenimento

La quantità e la frequenza delle annaffiature va regolata in base alla crescita delle piantine: un eccesso di Issopo fusto ramificatoacqua può comprometterne lo sviluppo, portandole anche al deterioramento. E’ bene innaffiarle quando la superficie del terriccio risulta essere troppo asciutta. E’ necessario fare attenzione alla quantità di acqua versata soprattutto nella prima fase della fioritura: la piantina presenta piccole radici e un’innaffiatura troppo abbondante o eccessivamente brusca potrebbe sradicare i germogli.

Avversità

Di solito, l’issopo non viene attaccato da parassiti o malattie.

Un commento su “Issopo

  1. PIETRO scrive:

    COME POSSO ACQUISTARE UNA PIANDA DI ISSOPO?
    PIETRO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi