Gynura

La Gynura è una pianta rampicante, appartenente alla famiglia delle Asteraceae; essa è costituita da foglie dalla forma lanceolata, con i margini leggermente dentati, e rivestite da una fitta peluria viola brillante. Produce fiori molto simili alle margherite, riuniti in grappoli e dalle tonalità che vanno dal  giallo all’arancione: tuttavia, essi vengono recisi non appena iniziano a fiorire, in modo da evitare che la pianta si indebolisca o assuma un aspetto sgraziato. Dal momento che risulta essere un esemplare molto appariscente, almeno nel suo periodo di massimo sviluppo, è indicato anche per la coltivazione in panieri sospesi.

Gynura Sarmentosa

La moltiplicazione della Gynura avviene principalmente per talea: si preleva una parte della pianta dai boccioli giovani, intorno al periodo primaverile, e viene messa a radicare in un vaso di circa dieci centimetri di diametro, riempito di torba e sabbia in parti uguali, alla temperatura di circa 20°C.

Nome

Gynura (Gynura Sarmentosa )

Ambiente

AsteraceaeLa Gynura è originaria dell’India e dell’Africa Occidentale. Per gli esemplari allevati in vaso, si consiglia di servirsi di un substrato costituito da terra fertile, torba, terriccio di foglie ben scisse e sabbia grossolana, così da facilitare il drenaggio dell’acqua di irrigazione ed evitare fastidiosi e dannosi ristagni idrici.

Temperatura

La Gynura è una pianta che ama esposizioni a luoghi luminosi, spesso anche quella diretta del sole: tuttavia, è consigliabile evitare i raggi del sole estivo, eccessivamente forti, e collocarla in zone semi ombreggiate, almeno durante la stagione calda. Le temperature ideali per la Gynura variano intorno ai 18-21°C ed è bene che non scendano al di sotto dei 10°C.

Mantenimento

La pianta ha bisogno di essere annaffiata abbondantemente soprattutto nel periodo estivo, mentre nei mesi autunnali ed invernali, l’apporto d’acqua può essere drasticamente diminuito:  la si può irrigare quel tanto che servirà a non far seccare il terriccio.

Dal momento che la Gynura predilige ambienti umidi, l’ideale sarebbe nebulizzare le foglie: si consiglia di farlo, se è possibile, la mattina presto, poichè si potrebbero formare delle piccole vesciche scure sulle foglie se la si espone ai raggi del sole troppo caldi.

Durante i mesi primaverili e quelli estivi, si consiglia di servirsi di un buon concime liquido, unito all’acqua di irrigazione, ogni tre o quattro settimane; nei mesi freddi, le fertilizzazioni vanno sospese.

Avversità

La Gynura non è immune all’attacco di parassiti quali le Cocciniglie cotonose:  esse appaiono in prevalenza sui fusti e sui lati delle gynura foglie lanceolatefoglie, e attaccano per lo più la base della pianta, lasciando integri gli apici. Naturalmente, essi possono essere eliminati con prodotti antiparassitari, come i pidocchi e gli afidi, altri parassiti che possono attecchire la salute della pianta.

Uno scarso apporto d’acqua, inoltre, può indurre le foglie a scurirsi: si consiglia di rimediare con tempestività e riprendere ad innaffiare la pianta con regolarità e abbondanza. Anche un ambiente poco luminoso può provocare danni notevoli alla Gynura: le foglie appassiscono o perdono le loro venature rossastre, diventando smorte e sbiadite; per porvi rimedio, è necessario collocare la pianta in un luogo molto più soleggiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi