Finocchio

Il Finocchio è una pianta erbacea, appartenente alla famiglia delle Apiaceae (Ombrellifere); esso è particolarmente apprezzato per i suoi molteplici usi: utilizzato sia in cucina che per le sue proprietà benefiche. Il Finocchio raggiunge un’altezza di 70 o 80 cm circa, possiede radici che non penetrano mai in profondità nel terreno; le foglie sono rivestite di una guaina molto larga, hanno consistenza carnosa e sono collocate in modo sovrapposto così da formare il grumolo di una larghezza di 15 cm e un peso di 600 grammi. La pianta produce piccoli fiori ermafroditi, aventi cinque stami e petali di un bel giallo vivace; il frutto si presenta come un diachenio dalle diverse forme e dalle tonalità gialle o brune.

Foeniculum vulgare

La moltiplicazione del Finocchio avviene principalmente mediante la semina, da effettuare in piena estate: i semi dovranno essere ricoperti con un leggero strato di terra, in semenzaio, successivamente le piantine dovranno essere trapiantate in piena terra quando avranno raggiunto un’altezza di circa 14 cm e dovranno esse distanziate di circa venticinque centimetri l’una dall’altra, mentre la distanza tra le file dovrà essere di circa 60 cm. Si raccomanda di rimuovere le piantine più deboli per lasciare spazio a quelle più robuste, , prima di passare al trapianto.

Nome

Finocchio ( Foeniculum vulgare )

Finocchio foglie carnoseAmbiente

Il Finocchio è originario delle regioni mediterranee, in Italia la pianta è diffusa soprattutto lungo le zone costiere, dal piano ai 1.000 metri. Il terreno ideale è di medio impasto, ricco di sostanza organica, molto fresco e più di tutto ben drenato; si consiglia di arricchirlo con dello stallatico maturo prima della semina.

Temperatura

La pianta sembra non avere peculiari esigenze in fatto di coltivazione, ma predilige climi miti e temperature non eccessivamente basse: al fine di proteggere gli esemplari di Finocchio dai primi freddi, sarà possibile servirsi di veli di tessuto da collocare direttamente sulle piante in attesa della raccolta.

Mantenimento

L’irrigazione del Finocchio dovrà essere particolarmente curata: in caso di prolungata siccità, l’apparato radicale nonFinocchio fiori ermafroditi riuscirà a svilupparsi al meglio e in seguito la vegetazione ne risentirà. Le annaffiature dovranno essere regolari soprattutto durante i mesi più caldi, senza tuttavia eccedere con la quantità di acqua, onde evitare l’insorgenza di marciumi radicali a causa della formazione di ristagni idrici.

La concimazione del Finocchio non sarà necessaria nel caso in cui, con la preparazione e vangatura del terreno, sarà già stata effettuata una buona fertilizzazione.

Avversità

La malattia più nociva che colpisce il Finocchio è senza ombra di dubbio la sclerotinia, causata dal fungo Sclerotinia  sclerotiorum: questa deteriora irrimediabilmente il grumolo della pianta, dopo averlo ricoperto di un feltro di colore bianco candido; le piante infettate andranno estirpate dall’orto per evitare che nel terreno rimangano gli organi di conservazione del fungo.

Un’altra malattia comune, ugualmente provocata da funghi è la batteriosi che provoca marciume: per scongiurarne la comparsa sarà necessario non esagerare con l’apporto di acqua che causerebbe la formazione di ristagni idrici. Il Finocchio viene attaccato anche dalla peronospora, la fitoftora, la moria delle piantine, la rizottoniosi, mentre tra i parassiti vi sono gli afidi, le nottue e le lumache.


Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi