Feijoa

La Feijoa è un arbusto sempreverde, appartenente alla famiglia delle Mirtacee; particolarmente apprezzato per la bellezza dei suoi fiori e del ricco fogliame, viene utilizzato a scopo ornamentale per decorare giardini, o anche coltivato come albero da frutto. In genere, è in grado di raggiungere un’altezza e una larghezza di circa 4 m; mostra una chioma ampia e foglie dalla forma ellittica, di un’intensa tonalità che va dal grigio al verde, sono inoltre opposte e di consistenza coriacea. I fiori sono caratterizzati da petali carnosi e di colore bianco nella parte esterna, mentre risultano rossi in quella interna; alla fioritura, che raggiunge il suo massimo splendore nella stagione estiva, segue la nascita di frutti: si tratta di bacche aventi grosse dimensioni, colore verde e una lunghezza che arriva fino ai 6 cm circa; hanno un buon profumo e sono particolarmente gustose.

Acca sellowiana

La moltiplicazione della Feijoa avviene principalmente tramite margotta, durante il mese di maggio: questo metodo permette la riproduzioni di giovani piante identiche alla pianta madre da cui esse provengono, ragion per cui è preferibile alla moltiplicazione tramite seme o per talea, anch’esse praticabili.

Nome

Feijoa ( Acca sellowiana )

Feijoa baccheAmbiente

La Feijoa è originaria dell’America meridionale, in particolare del Brasile, ma la sua coltivazione è molto diffusa in California e anche nel nostro paese. L’arbusto non ha particolari esigenze in fatto di terreno, riuscendo ad adattarsi anche a quelli poveri di materia organica; tuttavia è preferibile che il substrato sia sciolto, leggero e lievemente sassoso, ma soprattutto ben drenato.

Temperatura

La pianta ama particolarmente le esposizioni in pieno sole. E’ in grado di tollerare climi rigidi, e difficilmente viene danneggiata da gelate, purché non siano tardive; in ogni caso, l’ideale sarebbe ripararla sia dal vento che dall’inquinamento atmosferico.

 Mantenimento

La Feijoa non necessita di annaffiature costanti o abbondanti: è bene irrigarla in modo saltuario, ogni due settimaneFeijoa petali carnosi circa, dal momento che non soffre assolutamente la siccità. Si consiglia di potarla  presto, subito dopo la fioritura se è possibile, in modo da non compromettere la produzione dell’anno successivo, e creare una chioma più equilibrata e meno fitta.

Per quanto riguarda la concimazione della Feijoa è consigliabile aggiungere al terreno del fertilizzante organico, in modo da aumentare il tasso di azoto che sarà in grado di dare nutrimento all’arbusto per un lungo periodo di tempo.

Avversità

La Feijoa non è immune alla minaccia di parassiti quali la cocciniglia: questa danneggia l’apparato fogliare, perforando la lamina delle foglie e nutrendosi della linfa in essa contenuta, che è ricca di zuccheri; esse proliferano in luoghi con scarsa umidità e con poca ventilazione. E’ possibile servirsi di un batuffolo di cotone impregnato di alcol e strofinare con delicatezza per rimuovere manualmente il parassita, ma se l’infestazione risulta troppo estesa, è bene servirsi di prodotti specifici.

Altre malattie quali il marciume radicale o la maculatura delle foglie, possono creare ingenti danni alla pianta: nonostante la Feijoa non abbia bisogno di particolari cure è bene non trascurarla, ma coltivarla nel modo giusto e in condizioni ottimali.


Potrebbero interessarti anche:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>