Evonimo

L’ Evonimo è un arbusto sempreverde, appartenente alla famiglia delle Celastraceae; la pianta può raggiungere i tre metri di altezza. E’ caratterizzata da foglie dalla forma ovale che spesso assumono una colorazione rossastra; durante i mesi primaverili, l’Evonimo produce fiori di colore verdastro oppure di tonalità vicine al porpora, a cui seguono piccole bacche scure o rosate .

Euonymus alatus

La moltiplicazione dell’Evonimo può avvenire sia mediante la semina che per talea: nel primo caso, i semi dovranno essere piantati nei mesi autunnali, mentre le tale possono essere prelevate tra la fine dell’estate e l’inverno. Si consiglia di scegliere solo le parti del ramo che appaiono semilegnose, ponendo particolare attenzione nell’ effettuare un taglio netto .

Nome

Evonimo ( Euonymus alatus )

Ambiente

Evonimo foglie ovaliL’Evonimo è diffuso praticamente in ogni continente; la pianta predilige un tipo di terreno che sia particolarmente fertile e profondo, e soprattutto molto ben drenato al fine di evitare fastidiosi ristagni idrici, molto dannosi per l’esemplare adulto. In caso di rinvaso, si consiglia un substrato costituito da argilla mescolata ad una parte di terriccio di foglie e ad una parte di sabbia o altro materiale incoerente.

Temperatura

La pianta non sembra avere difficoltà a svilupparsi in qualsiasi posizione, che sia soleggiata o che sia ombreggiata; tuttavia, è consigliabile porla a dimora in pieno sole e in luoghi molto luminosi. L’Evonimo ben tollera le basse temperature, così come il caldo delle estati più afose. Sono piante inoltre, che riescono a sopportare sia l’inquinamento che l’aria salmastra.

Mantenimento

L’Evonimo ha bisogno di essere annaffiato regolarmente, almeno una volta a settimana soprattutto nel periodo che va da marzo ad evonimo fiori porporaottobre e in particolar modo in caso di siccità. Nei mesi invernali, l’irrigazione può essere sporadica, ma in ogni periodo dell’anno, è bene lasciare che il terreno sia asciutto tra un apporto di acqua ed un altro.

Per quanto riguarda la concimazione dell’Evonimo, questa deve essere effettuata durante il periodo invernale, servendosi di abbondante stallatico maturo o anche di fertilizzante granulare a cessione lenta così da assicurare uno sviluppo ed una fioritura eccellenti durante la primavera . Nei mesi più miti, si consiglia di unire all’acqua delle annaffiature del concime a base di potassio ed azoto .

Avversità

Purtroppo l’Evonimmo è spesso minacciato da un gran numero di parassiti, ed è di vitale importanza cercare di intervenire in maniera tempestiva con l’uso di specifici antiparassitari, facilmente reperibili in commercio. La cocciniglia è senza dubbio tra quelli più pericolosi: essa prolifera in ambienti particolarmente umidi, creando macchie scure sulla parte inferiore della foglia; al fine di sbarazzarsene, ci si può servire di un batuffolo di cotone impregnato di alcol e strofinare con delicatezza la parte danneggiata, in alternativa si può lavare la pianta con del sapone, facendo bene attenzione a risciacquarla con cura.

Oltre a questa, altri parassiti che infestano la pianta sono gli acari e gli afidi, o le larve minatrici che scavano gallerie all’interno della foglia diminuendo l’attività foto sintetica e quindi indebolendo la pianta. Alcuni parassiti possono trasmettere agli esemplari di Evonimo pericolosi virus e batteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi