Croton

Il Croton è un arbusto sempreverde, appartenente alla famiglia delle Euphorbiaceae. La pianta è caratterizzata da foglie notevolmente grandi e sfarzosamente screziate di vari colori: dal giallo, all’ arancio, al rosso e al rosa; esse possono variare per quanto riguarda la forma, e a seconda della specie si mostrano ovali o allungate, ma anche lobate. Nei mesi estivi, il croton produce piccoli fiori, raccolti in lunghe pannocchie piegate. Questo esemplare può raggiungere i novanta o cento centimetri di altezza, ma esistono anche specie nane di circa trenta o quaranta centimetri, caratterizzate da foglie molto più piccole.

Codiaeum Variegatum

La riproduzione del Croton avviene per talea: dal mese di marzo e fino a giugno, si asportano dalla pianta dei rametti lunghi almeno dieci centimetri, con un coltello affilato e pulito. E’ opportuno sapere che, non appena si tagliano le talee, si verifica la fuoriuscita di un liquido vischioso, e di conseguenza le ferite vanno subito occluse con del carbone in polvere. Il composto in cui le talee vanno messe a radicare, deve essere costituito da sabbia e torba, ed inoltre, esse devono essere coperte con un telo di plastica trasparente. Successivamente alla nascita dei primi germogli, si sistema il vaso in un luogo più luminoso e si aspetta pazientemente che le piantine diventino più robuste. Infine, si procede al trapianto definitivo in vasi di quindici centimetri circa di diametro.

Nome

Croton ( Codiaeum Variegatum )

Ambiente

croton avversitàIl Croton nasce in zone a clima equatoriale con poche escursioni termiche e abbondanza di precipitazioni. La pianta predilige terreni molto ben drenati, ricchi di materia organica e particolarmente teneri. Per quanto concerne gli esemplari in vaso, è opportuno che il terriccio sia costituito da torba e foglie di faggio, così da avere un ph leggermente acido; il rinvaso può avvenire ogni due o tre anni e nei mesi primaverili.

Temperatura

Il Croton necessita di un’ elevata umidità ambientale, oltre che una temperatura il più possibile costante tra il giorno e la notte e che si aggiri intorno ai 23-25°C.  E’ importante che la pianta sia collocata in luoghi luminosi, ma è consigliabile evitare i raggi diretti del sole e, inoltre, fare molta attenzione alle correnti d’aria. Nei mesi invernali, solitamente, si coltivano in casa con temperature minime superiori ai 15°C.

MantenimentoCroton colori variegati

La pianta va annaffiata regolarmente, accertandosi che il terriccio sia umido, ma non eccessivamente inzuppato di acqua. E’ bene, per
di più, nebulizzare le foglie di Croton con un vaporizzatore, assicurandosi che l’acqua sia leggermente tiepida, e farlo anche quotidianamente, in particolar modo nei mesi in cui le temperature risultano essere esageratamente alte.

Dal momento che il Croton è una pianta dalla crescita molto veloce, è essenziale apportare una buona quantità di concime, soprattutto nel periodo che va dalla primavera all’estate. Si consiglia di servirsi di un  concime liquido, da aggiungere all’acqua d’irrigazione; quest’operazione va fatta ogni quindici giorni nei mesi primaverili e in quelli estivi, e una volta ogni due mesi in quelli autunnali e invernali.

Avversità

Il Croton può perdere le proprie foglie a causa di un clima eccessivamente secco, un improvviso cambio di temperatura o l’esposizione a colpi d’aria. Inoltre, la pianta è soggetta all’attacco di da afidi, acari e cocciniglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi