Colocasia

La Colocasia è una pianta sempreverde, appartenente alla famiglia delle Aracee; viene allevata soprattutto a scopo ornamentale, come pianta di appartamento grazie alla bellezza del suo apparato fogliare. Essa possiede, difatti, foglie molto grandi, in grado di raggiungere i 60 centimetri di lunghezza ed i 40 di larghezza, vagamente somiglianti alle orecchie di elefante; hanno una forma allungata e il contorno ondulato, dei piccioli molto forti e carnosi, e sono del tipico colore verde che in altre specie può assumere sfumature diverse. Produce fiori riuniti in un’infiorescenza a spiga, circondati da brattee, e molto simile alle calle, aventi tonalità chiare.

Aracee

La moltiplicazione della Colocasia avviene principalmente mediante la divisione dei rizomi. L’operazione va fatta all’inizio della stagione primaverile, ponendo le parti prelevate in un contenitore con del terriccio umido, composto da torba e sabbia, e posizionandolo in una zona d’ombra, ad una temperatura di 24 o 25 °C. Germogliata la nuova piantina, si potrà procedere col rinvaso definitivo.

Nome

Colocasia

Ambiente

Colocasia infiorescenza a spigaLa Colocasia è originaria dell’ India, dell’ Asia, delle isole del Pacifico e del Bangladesh, mentre in Italia nasce in modo spontaneo solo nelle regioni meridionali e in Sardegna. La pianta predilige un terreno soffice, ricco di sostanza organica, e soprattutto molto ben drenato così da evitare l’insorgenza di fastidiosi ristagni idrici, molto dannosi per la Colocasia. Per gli esemplari in vaso, può andar bene anche un terriccio composto da foglie, sabbia e torba.

Temperatura

La pianta necessita di molta luce, ma non dell’esposizione ai raggi diretti del sole; la Colocasia ama climi temperati, e cresce rigogliosa con temperature comprese tra i 20 e i 30°C, ma è importante non sottoporla a condizioni termiche al di sotto dei 10°C per un periodo eccessivamente lungo. Si consiglia di tenerla al riparo da correnti d’aria e di spostarla in un luogo riscaldato e protetto durante la stagione fredda.

Mantenimento

La Colocasia ha bisogno di annaffiature abbondanti, soprattutto durante i mesi estivi, tuttavia è importante non Colocasia foglie grandiesagerare per non causare ristagni di acqua, molto dannosi per quest’esemplare; il terriccio dovrà essere costantemente umido. Durante i mesi autunnali ed invernali, è opportuno ridurre drasticamente le annaffiature e, per garantire una buona umidità ambientale, si consiglia di nebulizzare le foglie frequentemente.

La concimazione della Colocasia va fatta durante i mesi primaverili ed estivi, più precisamente nel periodo vegetativo della pianta. Il fertilizzante, unito all’acqua delle annaffiature, dovrà essere somministrato circa una volta al mese e dovrà contenere, oltre all’azoto al fosforo e al potassio, anche tutti gli altri elementi indispensabili per un corretto e sano sviluppo della pianta.

Avversità

La Colocasia non è immune all’attacco di parassiti quali afidi e cocciniglie, i quali danneggiano l’apparato fogliare, provocando ingenti danni alla pianta. E’ possibile sbarazzarsene manualmente, con l’utilizzo di un batuffolo di cotone impregnato di alcool, o servendosi di prodotti specifici, facilmente reperibili.

Anche le cattive tecniche di coltivazione non sono per nulla salutari: un eccessivo apporto di acqua provoca l’ingiallimento delle foglie, l’esposizione al sole diretto causerà l’appassimento e l’imbrunimento delle foglie, mentre uno scarso apporto di fertilizzante, renderà meno lucente l’apparato fogliare.


Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi