Aglaonema

L’Aglaonema è una pianta ornamentale molto diffusa all’interno degli appartamenti, appartenente alla famiglia delle Araceae; essa è apprezzata soprattutto per la bellezza delle sue foglie lanceolate. Si tratta di una pianta a crescita lenta, originaria del sud est asiatico erbacea e perenne. La nervatura delle foglie è in evidenza e sono presenti lunghe striature di colore argenteo sulla base verde. Sottili piccioli attaccano le foglie al fusto, che presenta dimensioni ridotte, in generale la pianta non supera il metro di altezza, nel caso di particolari specie, altrimenti l’altezza media è di circa 20 centimetri.

 Aglaonema Pictum

L’infiorescenza prodotta dalla pianta è a forma di spata, tipo quella della calla, essa ha un’asta al centro di colore bianco, detta spadice, la quale contiene fiori maschili nella parte alta e fiori femminili nella parte bassa.

Nome

Aglaonema foglie lanceolateAglaonema ( Aglaonema Pictum )

Ambiente

L’Aglaonema è una pianta da appartamento che deve essere coltivata in vaso in forma unica oppure associata ad altre piante. Si adatta a zone anche con luce scarsa pero’ non deve mai mancargli totalmente la luminosità, altrimenti le foglie perderebbero il colore e si uniformerebbero le striature.

Temperatura

Sono piante che amano l’aria quindi occorre posizionare il vaso in un luogo asciutto ma ben areato. Il terreno deve essere ben drenato e le foglie vaporizzate spesso. In inverno l’acqua deve essere fornita ogni dieci giorni, in estate ogni 3 o 4 giorni. In estate la temperatura non deve superare i 20 gradi mentre in inverno non dovrebbe scendere sotto i 13°- 14°.

Mantenimento

Il terreno migliore prevede un miscuglio di terra di foglie, terricciato di letame, torba e sabbia. Le piante devono essere aglaonema fiori ermafroditirinvasate tra marzi e aprile ogni due anni. La moltiplicazione della pianta puo’ avvenire si tramite la divisione per cespi che tramite il processo della talea. Nel primo caso occorre verificare che in ogni cespo sia presente un adeguato numero di germogli, nel secondo caso invece i germogli basali o polloni dovrebbero avere almeno due foglie. In primavera è anche possibile procedere con la semina delle piantine nuove di Aglaonema.

E’ opportuno concimare la pianta nel periodo primaverile, ogni due settimane e servendosi di un fertilizzante liquido da diluire nell’acqua delle annaffiature: esso dovrà avere oltre ai cosiddetti macroelementi quali Azoto, Fosforo e Potassio anche i microelementi di Ferro, Manganese, Rame, Zinco, Boro, Molibdeno,  il Magnesio, tutti importanti per una corretta ed equilibrata crescita della pianta.

Avversità

Sia annaffiature eccessive, che temperature troppo basse, o esposizione al sole diretto possono provocare l’ingiallimento delle foglie o il loro avvizzimento. A temperature troppo elevate invece puo’ verificarsi la presenza della cocciniglia: essa è un pericoloso parassita che attacca le foglie, provocando su di esse macchie brune; si può rimuovere manualmente, servendosi di un batuffolo di cotone impregnato di alcol e strofinare con delicatezza la parte danneggiata o lavando la pianta con del sapone, ma ponendo particolare attenzione al risciacquo in modo da non lasciarne alcun residuo. Nel caso in cui l’infestazione dovesse essere particolarmente estesa, è opportuno utilizzare degli appositi prodotti antiparassitari, facilmente reperibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi