Acero da fiore

L’Acero da fiore è meglio nominato come Abutilon, e appartiene alla famiglia delle Malvaceae. Si tratta di un arbusto, piccola pianta da appartamento o giardino, semi rustica e sempreverde. L’acero da fiore prende il nome dalle foglie che sono molto simili a quelle appunto degli aceri, anche se possono presentarsi maggiormente variegate e screziate. La pianta viene coltivata principalmente per la bellezza dei suoi fiori.

Questi ultimi hanno un ricordo orientale nelle loro forme e colori, si presentano durante la stagione estiva, sono penduli, imbutiformi e le tonalità variano dal giallo al rosso, dal cremisi all’arancione. Quando le corolle dei fiori si aprono maggiormente è possibile notare l’apparato riproduttivo del fiore e le sue sfumature. Nei vasi gli aceri da fiore possono raggiungere circa 1,2 metri di altezza, se spontanee arrivano a 2 metri.

Abutilon Hybridum

La moltiplicazione dell’Acero da fiore avviene principalmente attraverso la semina e la talea apicale: per quanto riguarda la prima tecnica, essa deve essere praticata nei mesi di marzo o aprile, a una temperatura di 15-18°C, avendo l’accortezza di piantare i semi alla profondità di circa 6 mm. In seguito alla nascita delle prime piantine, si può procedere col rinvaso in contenitori di 8 o 10 cm di diametro, in una miscela di terriccio, torba e sabbia.

Per la riproduzione mediante talea, quest’ultima deve essere lunga circa  8 o 15 cm, e deve essere prelevata da maggio ad agosto e piantata in cassette ad una temperatura di 15 o 18°C, in un composto di torba e sabbia in parti uguali. Una volta radicate, potranno essere trapiantate in vasi con una miscela di terriccio, torba e sabbia.

Nome

Acero da fiore ( Abutilon Hybridum )

Ambiente

Acero da fiore foglie screziateSe vengono rispettate le condizioni climatiche favorevoli all’acero da fiore esso potrà fiorire molto a lungo, comunque occorre sempre fare attenzione poiché la mortalità precoce è piuttosto elevata.

Tali piante possono essere coltivate sia in vasi negli appartamenti che nei giardini, esse non accettano condizioni climatiche troppo difficili. Il terreno deve essere fertile e ben drenato in quanto temono i ristagni di acqua.

Temperatura

Gli aceri da fiore temono le temperature estreme, occorre evitare la diretta esposizione al sole ma anche le temperature rigide invernali, dunque una posizione semi ombreggiata è l’ideale.

Mantenimento

Le piante giovani devono essere cimate cosi’ da ridurne l’altezza e stimolare la ramificazione basale, le piante piu’ adulteAcero da fiore fiori penduli invece devono essere potate per i due terzi in primavera. I fiori appassiti vanno rimossi, cosi’ pure i rami gelati durante il periodo invernale.

Se coltivati in casa, gli aceri da fiore necessitano di una buona ventilazione.

Avversità

Il principale nemico degli aceri da fiore è la cocciniglia farinosa, nel caso della coltivazione in serra invece il pericolo è dato dalla mosca bianca oppure vi sono gli afidi verdi che la rendono soggetta agli attacchi di fumaggini. Nei vari casi si combatte il problema con appositi prodotti.

Spesso l’Acero viene attaccata dal virus del mosaico: esso, solitamente, non porta alcun particolare disagio alle piante, ma screzia il fogliame di giallo, un particolare che paradossalmente rende l’esemplare più interessante da un punto di vista ornamentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi